Ospedali: luoghi di assistenza e di cura

Il racconto della nascita e dell’evoluzione dell’istituzione ospedaliera è un intrigante viaggio in quell’universo sanitario in cui, ieri come oggi, i “fatti” medici e i “fatti” sociali si intersecano con quelli architettonici e tecnologici, con quelli legislativi ed organizzativi determinando un poliedrico insieme, caratteristico di ogni tempo e di quel tempo specchio fedele.
Salute e malattia hanno da sempre punteggiato la vita dell’uomo; la malattia in particolare rientrava in quei fenomeni di difficile comprensione contro cui agli inizi della storia non si avevano grandi mezzi per opporsi: pregare ed invocare, con l’aiuto del sacerdote di turno, qualche divinità benevola, ma anche dare fiducia alle mani, meno ieratiche ma forse più abili di chi si dimostrava disponibile, portato ed esperto ad “operare”, in prima battuta, con strumenti “terreni” e verificabili.

I Francescani assistono i lebbrosi. Codice di Monteluce, Perugia

Con il cristianesimo, ospedali ed ospizi divennero più numerosi, assumendo un carattere più caritativo, che sanitario nei confronti degli ammalati; la medicina dei tempi consisteva infatti in un insieme di pratiche magico – religiose fuse a rimedi empirici ed istintivi. Il termine “ospedale” deriva da “hospes” (ospite) in quanto i primi ospedali erano più improntati sull’accoglienza caritatevole, che sull’aspetto sanitario. Per questo gli ospedali si diffusero con il cristianesimo, con strutture ibride con luoghi di culto.
È dalla regola di Sant’Antonio, vissuto fra il 200 e il 300 d.C., che nasce la cura verso i confratelli malati: l‘assistenza ospedaliera religiosa, quindi, ha origini molto antiche, in graduale incremento. Fu il Concilio di Nicea, nel 325, a stabilire che ogni vescovato e monastero dovessero istituire in ogni città ospizi per pellegrini, poveri e malati. Gli ospedali iniziarono a moltiplicarsi ed accanto a quelli nati in seno ai Monasteri, altri sorsero per volontà di alcuni ordini religiosi (Taranto, Asti, Lucca, Bologna…) ed altri con caratteristiche invece più laiche come il S. Spirito in Roma (715), voluto da Ina, Re della Sassonia orientale, per assistere i suoi sudditi in viaggio in Italia. Fuori di Italia ricordiamo degni di nota: I’Hotel Dieu di Lione (542), I’Hotel Dieu di Parigi (700), I’Ospedale del Cairo (707), I’Ospedale dei Cavalieri di Malta a Gerusalemme (intorno all’800), I’Ospedale di Cordova (800), I’Ospedale di Burgos (1214).
La tradizione italiana risale assai indietro nel tempo, come dimostrano le radici medioevali di molte istituzioni mediche e assistenziali di età moderna: il concetto di ospedale, inteso nel senso più simile a quello attuale, nasce nel Medioevo, quando gli ammalati vengono visti dalla società non come persone da allontanare ed emarginare ma da assistere.
L’ospedale nasce dapprincipio nella forma più generica di luogo di accoglienza e di ristoro per i bisognosi, quindi viandanti, poveri, pellegrini, vedove e ammalati: in origine, infatti, questi luoghi venivano accoglievano una più ampia e variegata casistica di situazioni disagiate, prima di diventare un luogo mirato esclusivamente alla cura della salute, come lo intendiamo oggi.

Hospital for Infants in Pistoia, 1277

La nascita e l’organizzazione degli ospedali, diffusisi in Europa a partire dall’XI secolo e presenti ben presto in ogni città, si lega fin da subito, per ovvie ragioni, alla compagine religiosa: quasi sempre, infatti, queste strutture erano gestite dagli stessi vescovi o da ordini di frati, suore o confraternite, in alcuni casi anche laiche. L’opera di Domenico di Bartolo (Cura degli infermi, 1441), un affresco realizzato all’interno dell’Ospedale di Santa Maria della Scala a Siena, mostra l’interno di un ospedale, con grande attenzione e cura per le nuove regole prospettiche, appena enunciate all’epoca, che  rendono chiaramente il senso dello spazio all’interno dell’ampio locale. La scena, molto dinamica e affollata, offre uno spaccato di un momento di cura degli infermi: in primo piano, un giovane ferito e infreddolito, sta per essere curato, viene lavato e coperto, mentre dietro di lui il rettore dell’ospedale e altri inservienti, stanno valutando il da farsi. Più a destra, un frate sta confessando un altro degente, mentre prontamente sta arrivando una lettiga per il nuovo arrivato ferito. Curiosa la presenza di animali: cane e gatto, che si azzuffano in primo piano.

Domenico di Bartolo

Medesima ambientazione si riscontra nell’incisione tratta dal Regimen Sanitatis Salernitanus, un volume assolutamente dedicato al tema, risalente al XIII secolo: in un unico grande locale si assiste alla cura degli infermi, alla cucina e alla consumazione dei pasti.

Nonostante le deboli conoscenze tecniche dell’epoca, gli ospedali apparivano comunque dotati di sistemi adeguati e particolarmente accurati, quali areazione dei locali, servizi igienici, e fornitura di acqua.

Bisogna attendere il Rinascimento, perché l’assistenza ospedaliera cominci ad essere considerata non più una semplice espressione della pietà cristiana e quindi un esclusivo monopolio della Chiesa, ma anche un segno dell’impegno sociale dei regnanti, parallelamente allo sviluppo di una medicina sempre più scientifica, che quindi destasse un interesse anche più strettamente laico: l’assistenza ospedaliera cominciava ad essere considerata non più una semplice espressione della pietà cristiana e quindi un esclusivo monopolio della Chiesa, ma era anche un segno dell’impegno sociale del Re, del Principe, del signore insomma, che vedeva, tra l’altro, nella edificazione di opere anche artisticamente pregevoli, un momento dell’esaltazione del suo governo.

Il dipinto del tedesco Adam Elsheimer (Santa Elisabetta visita un ospedale, XVII secolo) apre le porte di un altro luogo di cura, di epoca cinquecentesca; è interessante notare, oltre alle condizioni igieniche non ottimali, una grande promiscuità tra i degenti e un’assoluta mancanza di riservatezza; locali ampi e lunghi corridoi: i ricoverati venivano ospitati promiscuamente e vicini tra loro, senza minime accortezze di privacy.

Saint Elizabeth of Hungary bringing food for the inmates of a hospital. Oil painting by Adam Elsheimer, ca. 1598.

L’ospedale moderno non è solo un’istituzione di tipo medico, ma risponde a una pluralità di funzioni e bisogni, alcuni dei quali di carattere simbolico, ed è stato anche un centro di attività artistiche e finanziarie. Se gli ospedali erano di solito governati da comitati composti da laici eletti o nominati dal potere politico o municipale, pervasiva è stata la presenza al loro interno di ordini religiosi e di confraternite laiche dedite all’assistenza; il riferimento alla virtù cristiana della caritas è un passaggio obbligato di qualsiasi descrizione di questo tipo di istituzione.

Il primo ospedale concepito in chiave moderna fu l’Ospedale Maggiore di Milano (noto anche come Cà Granda) progettato dal Filarete e realizzato nel 1456: il merito e la novità del Filarete sta nell’aver riempito quelle forme classiche e tradizionali di contenuti fortemente innovatori. Le infermerie vennero progettate, infatti, nelle loro superfici e cubature, tenendo presente l’obiettivo di garantire, ad un determinato numero di degenti, un idoneo “cubo” d’aria, un sufficiente spazio vitale, una corretta ventilazione ed illuminazione. Che poi certi obiettivi non fossero stati completamente raggiunti, poco importa: quello che conta è l’aver evidenziato, per la prima volta, una serie di fondamentali esigenze di “igiene ospedaliera” ed aver avanzato soluzioni logiche anche se non del tutto soddisfacenti.

L’ospedale era a pianta rettangolare, sviluppato lungo un asse centrale e con strutture porticate che ospitavano le degenze. Le infermerie contavano al massimo 40 posti, erano assicurati ricambio d’aria e illuminazione e i malati avevano accesso a dei corridoi perimetrali usati come latrine e costantemente lavati.

L’ospedale italiano è stato al centro dell’attività di curanti illustri e meno illustri, educati all’università, come i medici physici; ma è stato anche, e forse soprattutto, il luogo privilegiato di formazione e di attività dei praticanti la medicina considerati di livello inferiore, in quanto dediti ad attività ‘manuali’, come i chirurghi nelle loro diverse gerarchie e specializzazioni, i barbieri-chirurghi, le ostetriche, gli speziali, i membri degli ordini religiosi o delle associazioni devozionali laiche che si dedicavano in maniera privilegiata o esclusiva all’assistenza agli infermi.
A contatto con questi ‘altri’ curanti, i medici universitari hanno dovuto affinare la pratica e riapprenderla, anche al di là dell’istruzione formale ricevuta, e hanno così avuto preziose occasioni di incontro con punti di vista e saperi terapeutici, e perfino anatomici, fisiologici e patologici, parzialmente o totalmente diversi dalla medicina di scuola.

La “Sanità” del ‘600 e dell’700 fu soprattutto caratterizzata dalla ricerca: gli ospedali divennero centri di studi e di ricerca e già nel XVII secolo furono vere scuole di medicina e chirurgia. L’ospedale viveva quelle che erano le novità del mondo accademico in una posizione, però, abbastanza privilegiata favorendo, per certi versi, il sanarsi della storica frattura tra le due culture, da sempre separate, della scienza medica: quella umoralista del medico “doctus expertus” e quella anatomica del “cerusicus” considerato al massimo un abile artigiano.

Nel XVIII secolo la situazione ospedaliera era ancora inadeguata sia a livello di condizioni igieniche, sia a livello di numero di posti letto disponibili rispetto alla richiesta.

A nonchalant doctor dancing a jig amidst unhappy patients in a decrepit hospital ward. Coloured etching by C. Williams, 1813.

È durante la Rivoluzione francese che prende forma e si sviluppa l’idea di ospedale come oggi l’intendiamo in termini di funzioni, struttura ed organizzazione. Quale è il ruolo dell’ospedale in un progetto più ampio di tutela della salute della collettività, quale è la giusta localizzazione nel tessuto urbano, quale funzioni deve svolgere, quale è l’architettura più idonea per quelle funzioni, quale deve essere la sua organizzazione interna? Proprio alla fine del secolo venne ricostruito anche l’Hotel de Dieu di Parigi dopo un incendio e ogni scelta architettonica venne presa sulla base di esigenze igienico-sanitarie.
Per rispondere alla nuove esigenze organizzative e strutturali, sorsero in Inghilterra, in Francia, in Germania, e solo successivamente in Italia, gli ospedale a padiglioni. Oltre al fatto di avere la possibilità di confinare in strutture diverse i malati in base al tipo di malattia, eliminando, quindi, alla base il fenomeno del contagio, la nuova struttura, immersa in aree adibite a verde, permetteva anche di differenziare gli edifici in base alle funzioni, di aumentare la dotazione di ambienti di servizio, di migliorare l’esposizione, l’aerazione e l’illuminazione degli ambienti. Ogni edificio, in sostanza, aveva una sua funzione, così da aumentare anche gli spazi di servizio e ridurre il problema del contagio. In Italia l’ospedale a padiglione, ovvero con una configurazione diffusa, arrivò il secolo successivo, con l’introduzione di corridoi su cui si affacciavano camere più piccole per ospitare un minor numero di ospiti contemporaneamente.

Nell’ottocento, superata la mitologia dei miasmi si introduce con Lister, l’antisepsi, e poi le tecniche di disinfezione, di sterilizzazione; viene studiata la diversa porosità e resistenza al passaggio dell’aria dei materiali di costruzione; nei materiali di rivestimento vengono ricercate le qualità della resistenza e della facile lavabilità, dall’orientamento degli edifici e dalle scelte distributive si vorrà il massimo soleggiamento e ventilazione. II dibattito sull’ingegneria ospedaliera diventa quanto mai attuale ed i medici igienisti si proponevano, a ragione, come gli esperti della materia.
Tra il XIX e XX secolo in Italia, con lo sviluppo di una rete ospedaliera, si realizzarono i moderni ospedali a padiglioni, di dimensioni notevoli collocati nelle immediate vicinanze dei centri abitati.
Tali ospedali affiancarono quelli storici e per lo più collocati nei centri cittadini, risalenti all’epoca medievale e rinascimentale.

Oggi in Italia esiste una associazione che ha la finalità di valorizzazione questo enorme patrimonio, l’Associazione Culturale Ospedali Storici Italiana ACOSI: un nuovo organismo, originale, libero, prestigioso, per raccordare gli Ospedali storici italiani per proteggere, studiare e far conoscere uno dei “giacimenti” culturali oggi meno noti ma sicuramente più interessanti e fecondi della storia della civiltà italiana della cura delle persone. Il manifesto è disponibile a questo link.

La spiritualità come professione: San Camillo de Lellis

la straordinaria opera di assistenza di Camillo de Lellis

“Quello che costituisce il vertice della propria autorealizzazione umana, a cui si tende con tutte le forze e con esiti precari e instabili, diventa uno stato permanente”. Questo l’incipit di “Sulla terra in punta di piedi” di Sandro Spinsanti, direttore dell’Istituto Giano, che in questo libro affronta la dimensione spirituale della cura.

Spinsanti, nel tracciare un breve excursus legato a vite sotto l’insegna della religione, ricorda come nella storia sono numerosi gli esempi di ‘famiglie religiose’ che uniscono la preghiera all’assistenza. Tra le più note spiccano figure come San Vincenzo de Paoli, don Guanella o Camillo de Lellis.

Quest’ultimo è il fondatore dell’Ordine dei Ministri degli Infermi, insieme ai primi cinque compagni che si erano consacrati alla cura degli infermi, nell’agosto del 1582, i cui primi statuti vennero approvati da papa Sisto V il 18 marzo 1586. La nuova Congregazione con l’approvazione papale ottenne anche l’assenso alla richiesta di portare una croce di panno rosso sopra la veste come segno distintivo dei “ministri degli infermi”.

Camillo de Lellis – la cui vita completa è disponibile a questo link dell’enciclopedia Treccani – maturò la propria decisione nel contatto quotidiano con tali problemi e nell’esercizio della carità al servizio di malati e poveri, raccolti e racchiusi in numero sempre crescente nelle istituzioni ospedaliere. Nei grandi ospedali rinascimentali si andava sempre di più verificando un degrado dell’assistenza, con personale prevalentemente laico, pessime condizioni igieniche che favorivano il diffondersi di epidemie. Da qui l’idea di una Congregazione totalmente dedita alla cura fisica e spirituale degli infermi: cioè “una compagnia d’huomini pii e da bene, che non per mercede, ma volontariamente e per amor d’Iddio servissero gli infermi con quella charità et amorevolezza che sogliono far le madri verso i lor proprii figliuoli infermi” (Scritti…, p. 52).

L’opera di de Lellis fu rivoluzionaria: da una parte una grande disciplina posta da Camillo nel redigere la contabilità dell’ospedale, che creò la fiducia necessaria per attrarre generose donazioni. Dall’altra un sistema di regole redatte tra la fine del 1584 e l’inizio del 1585: in esse particolare rilievo veniva dato all’obbligo della povertà con l’impegno a non accettare nessuna donazione ereditaria dagli infermi. Le regole non si soffermano tanto, però, sulla regolamentazione della vita religiosa dei confratelli quanto piuttosto sulla descrizione degli “ordini et modi che si hanno da tenere nelli hospitali in servire li poveri infermi” (Scritti…, pp. 67-71). Qui, attraverso una precisa e minuta descrizione dei modi e delle forme del rapporto coi malati, si afferma il principio del servizio agli infermi: come rifare i letti, servire i pasti, fare le pulizie.

“Perché le cure, maneggi delle cose temporali impediscon lo Spirito et charità verso il prossimo”

Il nome di “servi degli infermi” veniva preso alla lettera dal fondatore, per il quale le cure fisiche erano inscindibili dall’opera di conforto spirituale e prendevano un rilievo quasi esclusivo. Camillo fece mettere agli atti della Congregazione del 20 maggio 1599 questa specifica indicazione: “servire negl’hospedali all’infermi nella cura et bisogni corporali, cioè nettargli le lingue, dargli da mangiare, da sciacquare, far letti, et scaldarli, … et fare altre cose simili” (Scritti.., p. 195).

La forza della figura di Camillo, proclamato santo da papa Benedetto XIV nel 1746 e riconosciuto insieme con san Giovanni di Dio, patrono universale dei malati, degli infermieri e degli ospedali, è rappresentata anche dalla abbondante iconografia: un analisi dettagliata è disponibile sul sito dei Camilliani, a questo link.

Saint-Camillus-de-Lellis-rescuing-lives-and-offering-shelter-from-the-flooding-Tiber-Rome.-Line-engraving-by-J.-and-J.-Klauber.-Klauber-Joseph-Sebastian-approximately-1700-1768

Una iconografia piuttosto diffusa in ambito camilliano è la rappresentazione del santo inginocchiato mentre gli angeli in volo gli portano il Crocifisso, ma sono numerose le opere che lo ritraggono con malati: qui una approfondita descrizione dell’opera “San Camillo de Lellis salva gli ammalati dell’Ospedale di San Spirito durante l’inondazione del Tevere del 1598”

Nel dipinto, di grandi dimensioni e di formato rettangolare con sviluppo orizzontale, è raffigurata la scena dell’allagamento della grande corsia dell’ ospedale romano di Santo Spirito in Sassia in cui si assiste alle operazioni di soccorso degli ammalati, condotta da quattro uomini in abito scuro ( di cui due hanno una croce rossa sul petto), appartenenti ad un ordine religioso, aiutati da tre inservienti.

 

Assistenza ospedaliera nel Medioevo

La spedalità sorta nell’Alto Medioevo con la fondazione degli «xenodochi» e delle «diaconie» ad opera degli ordini religiosi che provvedevano anche a gestirle, intorno al 1200 cominciò ad essere presa in considerazione anche dai Comuni. Leggi tutto “Assistenza ospedaliera nel Medioevo”