Rassegna Medical Humanities

Fòl fest

https://www.collegnofolfest.it/

Dal 20 al 28 maggio si terrà a Collegno (TO) la seconda edizione del “fòl fest”, una festa interamente dedicata alla salute delle menti nel nome dell’inclusione e della cittadinanza.

Le regole e il buon medico

https://ilpunto.it/le-regole-e-il-buon-medico/

Riflessione di Sandro Spinsanti (1942), Fondatore e direttore Istituto Giano per le medical humanities, dedicata alla deontologia medica.

Le cure palliative e la pratica di cura totale, laica e spirituale

https://www.raiplaysound.it/audio/2023/04/Uomini-e-Profeti-del-16042023-3227fafd-cbfe-4372-a93c-25a4492f79a1.html

Cicely Saunders (1918-2005) è figura guida della puntata di “uomini e profeti”. Saunders ha introdotto l’idea e la pratica di cura totale, laica e spirituale negli Hospice fondati in Inghilterra nel 1967.

The Poliomyelitis Vaccine Field Trial of 1954 Exhibit

https://www.aap.org/en/about-the-aap/gartner-pediatric-history-center/the-poliomyelitis-vaccine-field-trial-of-1954-exhibit/

Mostra virtuale a cura dell’American Academy of Pediatrics sul vaccino contro la poliomielite

Mommy, Me, and We: Why Black Mothers Have Turned to Doulas

https://works.swarthmore.edu/crossings/vol1/iss1/10/

Nell’articolo, Janessa Harris (University of Georgia) riflette sul ruolo delle donne di colore, in particolare delle madri, nelle dinamiche della medicina contemporanea.

Clima e salute nella storia


L’ambiente, nella sua accezione più completa e complessa, comprensiva di stili di vita e condizioni sociali ed economiche, è un determinante fondamentale per il benessere psicofisico e quindi per la salute delle persone e delle popolazioni. https://www.salute.gov.it/portale/prevenzione/dettaglioContenutiPrevenzione.jsp?lingua=italiano&id=5766&area=prevenzione&menu=obiettivi2020

Il tempo e il clima condizionano alcune determinanti chiave della salute umana: aria, cibo e acqua. E sono responsabili di ondate di calore, inondazioni e uragani, così come della trasmissione delle malattie infettive. Anche le politiche di mitigazione dei cambiamenti climatici, come gli interventi sull’inquinamento dell’aria, hanno un’influenza importante sulla salute. https://www.epicentro.iss.it/ambiente/climaOms09


Oggi il tema è di grande attualità ma come scrivono alcuni esperti sono molti i momenti nella storia in cui l’uomo è stato costretto a mutare le proprie abitudini per l’impatto del clima. Tra questi si trova “Il destino di Roma. Clima, epidemie e la fine di un impero” di Kyle Harper nel quale viene raccontata la caduta dell’Impero romano, che esamina il ruolo decisivo che il cambiamento climatico e le epidemie ebbero nel crollo dell’impero.

Scrive Harper: “La scoperta di rapidi cambiamenti climatici nell’Olocene è una sorta di rivelazione. Apprendiamo per esempio che i romani, in una prospettiva planetaria, ebbero una fortuna sfacciata. L’impero raggiunse infatti la sua massima estensione e prosperità nelle pieghe di un periodo tardo-olocenico chiamato Optimum climatico romano (Ocr). L’Ocr si manifesta come una fase di clima caldo, umido e stabile in gran parte dell’area continentale mediterranea dell’impero. Si trattò di un momento particolarmente adatto alla nascita di un impero agrario fondato su una convergenza piramidale di accomodamenti politici ed economici. Insieme con il commercio e la tecnologia, il regime climatico rappresentò una silenziosa forza cooperativa nel circolo apparentemente virtuoso dell’impero e della prosperità. Mentre estendevano il loro impero fino alle sue estreme propaggini, i romani non avevano alcuna idea delle basi ambientali, contingenti e precarie, di quanto avevano costruito. Dalla metà del II secolo d.C., la fortuna dei romani iniziò a calare. I secoli oggetto della nostra indagine furono testimoni di una serie di cambiamenti climatici tra i piú drammatici di tutto l’Olocene. Dapprima, iniziò un periodo di scompiglio climatico durato tre secoli (150-450 d.C.), che proporrei di chiamare Periodo romano di transizione. Nei momenti cruciali, l’instabilità del clima mise alle strette le riserve energetiche dell’impero, interferendo drammaticamente con il corso degli eventi. Successivamente, dalla fine del V secolo, si avverte una decisiva e concitata riorganizzazione climatica che culminerà nella Piccola glaciazione della Tarda Antichità. Una spasmodica attività vulcanica negli anni trenta e quaranta del VI secolo innescò il periodo piú freddo di tutto il Tardo Olocene. Contemporaneamente, il livello di energia proveniente dal Sole calò progressivamente al punto piú basso registrato in svariati millenni. Come vedremo, il deterioramento del clima fisico coincise con una catastrofe biologica senza precedenti che travolse quanto ancora restava dello stato romano”

Un altro spunto interessante che raccoglie una serie di documenti e testimonianze del rapporto tra clima e salute si trova a questo link: https://circulatingnow.nlm.nih.gov/2023/04/20/nlm-collections-tour-climate-and-health/

La National Library of Medicine detiene una vasta collezione di materiale che testimonia la storia degli investimenti federali nella ricerca sul clima e la relazione tra clima e salute, che può contestualizzare la ricerca attuale oltre agli impegni federali e correlati su questo tema. La storia riflessa da queste collezioni dimostra come 200 anni di ricerca e rendicontazione accurati e deliberate abbiano preceduto la ricerca moderna e basata sui dati di oggi per consentire agli scienziati del clima di studiare i dati climatici e parlare in modo autorevole del cambiamento climatico in relazione ai suoi impatti umani e ambientali.

Rassegna Medical Humanities


Chi sono i pazienti-partner che insegnano medicina accanto ai professori universitari

https://www.corriere.it/salute/23_maggio_02/pazienti-partner-medicina-insegnano-4e62065e-e4fd-11ed-9767-c520489f6dde.shtml

Progetto volto a migliorare la comunicazione medico-paziente ideato da Vincent Dumez, co-direttore del Centre d’excellence sur le partenariat avec les patients et le public (Ceppp) di Montréal (Canada). Il Italia il modello è stato adottato dal corso di laurea in Medicina e Chirurgia dell’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia.

Riconoscere i diritti dei bambini e delle famiglie arcobaleno

https://ilpunto.it/riconoscere-i-diritti-dei-bambini-famiglie-omogenitoriali/

Contributo dell’Associazione culturale pediatri (Acp) sul controverso tema dei diritti di bambini e bambine che nascono e crescono in famiglie omogenitoriali.

Galileo Festival

https://www.galileofestival.it/

Da venerdì 19 a domenica 21 maggio 2023 si svolgerà a Padova l’ undicesima edizione del Festival della Scienza e Innovazione, direzione scientifica di Giovanni Caprara, saggista ed editorialista scientifico del Corriere della Sera.

Michael J. Fox parla della sua battaglia contro il Parkinson nel documentario Still

https://tg24.sky.it/spettacolo/cinema/2023/04/26/michael-j-fox-parkinson-documentario-still

Documentario di Davis Guggenheim (1963) nel quale l’attore Michael J. Fox (1961) ripercorre il rapporto con la malattia di Parkinson che gli fu diagnosticata quando aveva 29 anni.

RI-TOCCO D’ARTE

https://biblio.comune.settimo-torinese.to.it/index.php?option=com_content&view=article&id=1775:ri-tocco-d-arte&catid=12&Itemid=101

Mostra diffusa a tema salute mentale allestita nelle vie centrali di Settimo Torinese (TO) dal 13 al 19 maggio 2023 del fotografo Fabio Camaioni in occasione del 45esimo anniversario della legge Basaglia.

Rassegna Medical Humanities

Dance Well
www.parkinzone.org/wp/danza-per-il-parkinson-2/
“Dance Well – movement research for Parkinson” è un progetto di ricerca e movimento per il Parkinson, che dal 2013 si svolge al Museo Civico di Bassano del Grappa. La Dance Well promuove la
pratica della danza in contesti artistici e spazi museali e si rivolgeprincipalmente, ma non esclusivamente, a persone che vivono con la malattia di Parkinson.

Di biblioteche e di benessere
https://www.youtube.com/watchv=RvIcpvkcWWs&t=792s
Video dell’incontro dove è stato presentato il volume Le biblioteche nel sistema del benessere: uno sguardo nuovo, a cura di Chiara Faggiolani (Editrice Bibliografica, 2022) e offre un contributo concreto rispetto all’obiettivo di dimostrare e raccontare il ruolo della cultura in un’ottica di benessere, qualità della vita e sviluppo sostenibile.

Pause and ambiguity Vermeers woman with a balance
https://medicalhealthhumanities.com/2023/03/03/pause-and-ambiguity-vermeers-woman-with-abalance/
Renée K. Nicholson (West Virginia University) riflette su come l’arte promuova l’alfabetizzazione visiva e ci dia degli strumenti che aiutano a comprendere il mondo che ci circonda.

‘New Modes of Thinking, Being and Doing Research’: Neurodivergent Humanities Network and Mentorship Programme Launch
https://thepolyphony.org/2023/04/14/new-modes-of-thinking-being-and-doing-researchneurodivergent-humanities-network-and-mentorship-programme-launch/
Presentazione del Neurodivergent Humanities Network (Durham University) ufficializzato lo scorso 20 aprile durante il quinto congresso del Northern Network for Medical Humanities Research (NNMHR). Si tratta di uno spazio dove sviluppare nuovi modi di fare ricerca con un’attenzione particolare alle esigenze dei singoli studiosi.

A baby’s first five minutes, Port Jefferson
https://museum.wales/collections/online/object/a80d8007-a7d6-3b07-9647-6aa33bfa6cad/Ababys-first-five-minutes-Port-Jefferson/
Progetto fotografico di Eve Arnold (1912-2012) che documenta i primi momenti di vita dei bambini e la creazione del legame tra madre e figlio.

aggiornamenti Medical Humanities

Facciamo il punto sulla parola che cura

https://www.youtube.com/watch?v=c-6ftPIwxXE&t=85s

Silvana Quadrino, Alberto Scanni e Gabriele Vacis per parlare del diritto del paziente di essere ascoltato e del medico di poter ascoltare. Come ha sottolineato il presidente dell’Ordine di Torino Guido Giustetto, paradossalmente, “più parliamo di comunicazione tra medico e paziente, e meno tempo c’è per farlo”. Se la medicina non fosse una “azienda” che deve puntare alla produttività, le cose cambierebbero?

Sources of air pollution

https://collections.nlm.nih.gov/catalog/nlm:nlmuid-101640831-vid

Dagli archivi della National Library of Medicine un documento del 1962 che mostra le principali cause d’inquinamento dell’aria.

Reclaiming the Disabled Sexual Self

https://thepolyphony.org/2023/03/29/disabled-sexual-self/

Arlene Jackson (Manchester Metropolitan University), ex infermiera che convive con una malattia cronica, riflette sul libro You Are the Best Thing Since Sliced Bread (Ebury, 2022) nel quale Samantha Renke, racconta del suo rapporto con la sessualità da donna con l’osteogenesi imperfetta di tipo 3 (la cosiddetta “la malattia delle ossa fragili”).

Medicina e teatro: quando il medico va in scena

https://ilpunto.it/medicina-e-teatro-studenti-medicina-quando-il-medico-va-in-scena/

Intervista a Ciro Gallo, professore emerito di statistica medica all’Università degli studi della Campania ‘Luigi Vanvitelli’ incentrata sul valore dell’esperienza teatrale nella formazione dei futuri medici.

Immortality, Inc.

https://parallelozero.com/immortality-inc/

“Immortality” (Sony Award nel 2020) è un progetto di Alessandro Gandolfi nel quale il fotografo e giornalista ha documentato il settore delle ricerche intorno alla longevità.