Arte e salute: una rassegna di evidenze

Sono sempre più numerose le evidenze a supporto dell’integrazione tra arte e cura, sia nella pratica clinica quotidiana che nei percorsi di formazione delle professioni sanitarie.

Il recente numero di International Review of Psychiatry si concentra proprio sul valore dell’introduzione delle scienze umane e dell’arte nella istruzione dei professionisti della salute, con approfondimenti e contenuti dedicati alla ricerca, recensioni, commenti, casi e riflessioni personali.

L’editoriale, nel suo incipit, cita proprio come l’Organizzazione Mondiale della Sanità, la National Academy of Science, Engineering, and Medicine e l’Association of American Medical Colleges riconoscono tutte le arti e le discipline umanistiche come fondamentali per l’educazione alle professioni sanitarie (Fancourt & Finn, Citation2019; Moniz et al., Citation2021; National Academies of Sciences E & Medicine, 2018).

Le evidenze suggeriscono che l’integrazione delle arti e delle discipline umanistiche nell’educazione delle professioni sanitarie può

  • migliorare varie abilità e atteggiamenti clinicamente rilevanti, tra cui l’osservazione, il pensiero critico, l’empatia
  • sostenere la formazione dell’identità professionale
  • supportare il lavoro di squadra

I documenti di questo numero speciale su The Arts and Humanities in Health Professions Education si concentrano su una serie di argomenti di interesse per curanti e curati, oltre che riflessioni personali di un gruppo eterogeneo di medici, educatori e studenti.

Lascia un commento